mercoledì 15 giugno 2011

eclisse


dal sito dell'Unione Astrofili Italiani 

http://uai.it 

Le eclissi di Luna sono un fenomeno relativamente frequente, in genere se ne possono osservare più di una all’anno: molte però sono parziali o, anche se totali, non sono visibili dall’Italia.



L’ultima eclisse totale di Luna osservabile dal nostro paese si è verificata il 21 febbraio del 2008; per la prossima sarà necessario attendere fino al 28 settembre 2015 !
In realtà quest’anno il fenomeno della Luna Rossa si ripeterà il 10 dicembre, ma in quella occasione i fortunati che potranno ammirarla si troveranno in Asia e in Australia, mentre in Italia vedremo solo le ultimissime fasi dell’eclisse.
Consigliamo quindi di segnare la data di mercoledì 15 giugno sul calendario e di prendere nota degli orari delle fasi di un fenomeno da non perdere.

La Luna entra nell'ombra     20h 22m
Inizio della totalità              21h 22m
Massimo dell'eclisse          22h 12m
Fine della totalità               23h 03m
La Luna esce dall'ombra     00h 02m

Un'altra motivazione per osservare questa “Luna Rossa” è che si tratta di una eclisse “centrale”.

Questa eclisse infatti sarà particolarmente lunga poiché vedrà la Luna attraversare il cono d’ombra della Terra passando dal centro di quest’ultimo. In molte eclissi la Luna attraversa un’area marginale e meno estesa del cono d’ombra, tanto che l’oscuramento del disco lunare non è uniforme, essendo parte di esso vicino al limite dell’ombra.
In una eclisse “centrale” come questa la Luna tocca il centro del cono d’ombra: probabilmente assisteremo ad un più marcato oscuramento della Luna alla fase di massimo della totalità.
Queste circostanze si verificano raramente: la prossima accadrà il 27 luglio del 2018.

  
E’ necessario precisare che l’osservazione delle fasi iniziali di questa eclisse sarà piuttosto complessa.
All’ingresso nella penombra la Luna si trova ancora sotto l’orizzonte. Al sorgere della Luna in teoria sarà possibile osservare l’ingresso nell’ombra, ma il nostro satellite sarà molto basso sull’orizzonte e soprattutto il cielo non sarà ancora del tutto oscuro. 
Alla luce del crepuscolo serale non sarà facile percepire chiaramente l’avanzare dell’ombra della Terra, fino all’inizio della totalità. La seconda parte del fenomeno, ovviamente condizioni meteo permettendo, sarà invece osservabile senza particolari difficoltà. 



5 commenti:

  1. Non riesco a vedere le immagini... forse perché non riesco proprio a collegarmi al sito divulgazione.uai.it :(

    RispondiElimina
  2. se il Rettiliano ci mette lo zampino non c'è nulla da fare :-)
    ho scaricato le immagini e le ho ripostate. Prova a vedere adesso se riesci a vederle

    RispondiElimina
  3. io non vedo un bel niente =(

    RispondiElimina